Polignano

Dai suoi 24metri d'altezza, con il suo raggruppamento di casette bianche e con il suo passato che vanta origini greche (lo si evince dalla radice del suo nome "polis" ovvero città) Polignano A Mare attrae di continuo numerosissimi turisti che rimangono ammaliati da questo luogo incantevole che par quasi essere un quadro.

La costa costituisce già di per sè una delle attrazioni di Polignano A Mare per via delle sue grotte marine decisamente suggestive scavate con pazienza dalle intemperie e dal mare, meta di tutti coloro che amano la speleologia o i paesaggi marini. Sono un'ottima idea per un itinerario di gite particolari. All'interno della cittadina fra le cose da visitare a Polignano A Marecitiamo l’Abbazia di San Vito con la chiesetta romanica; in tal proposito potrebbe essere una buona idea scegliere di recarsi a visitare Polignano A Mare il 15 giugno in occasione per l'appunto della festa di San Vito per assistere ai festeggiamenti in onore del santo. 

Interessante anche il museo Pino Pascali in cui sono esposte opere d'arte contemporanea. D'indubbio fascino è l'antico borgo a cui si accede passato per l'Arco della Vecchia Porta, di cui spicca la semplice architettura, le scalette interne che s'inerpicano nei dedalici vicoli, gli archi ingentili dai fiori e le icone votive raffiguranti i Santi. 
Da non perdere la visita a piazza Vittorio Emanuele II ovvero l'antica piazza dell'Orologio il cui meccanismo si regola ancora a mano mediante delle funi, così come la Chiesa Matrice e la Casa Parricchiale edificata nel 1596. Quindi è possibile proseguire per via Giudea, ex ghetto ebraico, dove si trova l'ex Cattedrale nella quale si può ammirare opere d'arte del Vivarini e di Stefano da Putignano ( tra di esse vi è il "Presepe" un monumento nazionale del '500). In questi luoghi bi troviamo inoltre la Chiesa del Purgatorio e la ex chiesetta di Santo Stefano in cui oggi ha sede la Galleria d'Arte "Pino Pascali". Per chi ama le testimonianze del passato, specie quelle archeologiche, una tappa è d'obbligo ai resti delle antiche mura (in cui è possibile ancora osservare le torri difensive) che circondano Piazza Garibaldi. Nel visitare Polignano A Mare è impossibile non notare l'arco marchesale costruito nel XVIII secolo, che è anche l'ingresso della città. Da notare anche i due ponti di età romana e gli edifici che una volta erano adibiti alla conservazione delle derrate alimentari e del pescato. Oppure è possibile scegliere di dirigersi verso la zona portuale dove si può ammirare il porto naturale con la Punta del "Bastione Santo Stefano". Ultimo, ma non ultimo, la statua del cantautore Domenico Modugno, nativo di Polignano. il 31 maggio 2009, infatti, è stata inaugurata, sul lungomare a lui dedicato, la statua di bronzo alta 3 metri circa, ideata e realizzata dallo scultore argentino contemporaneo, Hermann Mejer. L’artista ha ideato la statua rivolta verso il mare con le braccia aperte, sicuramente influenzato dalla famosa canzone “Volare”. 

Bari

Il capoluogo della regione è una terra ricca di testimonianze storico - artistiche di grande interesse. Alla maestosa presenza del Castello di Federico II di Svevia, si affiancano simboliche tracce di stucchi e decorazioni Barocche e costruzioni romaniche di spicco come la Cattedrale di San Sabino e la famosa Basilica di San Nicola.

Ostuni

In territorio fitto di ulivi, tra le murge e il mare, si erge Ostuni "la città bianca", chiamata così per il colore delle sue case che, a cascata, dalla cima di tre colli, splendono per il bianco della calce. Come la maggior parte di questi piccoli centri, è chiusa da mura e torrioni cilindrici di origine medioevale; viuzze strette, gradinate ed archi conducono alla sua Cattedrale della fine del XV secolo.

Castellana Grotte

Nata nel cuore di una zona carsica di notevole interesse, è caratterizzata dalla presenza delle famosissime Grotte.
Scoperte nel 1938, le Grotte offrono uno splendido scenario speleologico fatto di stalattiti, stalagmiti, tunnel e cavità che la cui famosa Grotta Bianca ne è il massimo esemplare.

Castel Del Monte

Situato sulla sommità di una collina circondata da boschi, questa costruzione, risalente al 1240, rappresenta sicuramente la più celebre testimonianza dell'estro architettonico di Federico II; residenza di caccia dello stesso sovrano, il misterioso edificio si caratterizza per la figura ottagonale della sua pianta così come delle torri che creano un indecifrabile spettacolo di luci ed ombre

Lecce

E' famosa soprattutto per le caratteristiche architettoniche e gli splendidi monumenti barocchi del suo centro storico. Vie tortuose e piazzette incorniciano importanti edifici come la Basilica di S. Croce, in cui elementi di romanico pugliese si fondono con spettacolari decorazioni barocche e il Duomo, sintesi esemplare del Barocco salentino.

ZooSafari

Il primo parco faunistico d’Italia, il più ricco di specie animali d’Europa. Si estende su una superficie di oltre 140 ettari di terreno, gran parte del quale a Macchia mediterranea. Adagiato sulle colline della Selva di Fasano uno dei posti più belli della Puglia a soli sette chilometri da un mare limpido e cristallino.

Valle D'Itria

Terra di eleganti cittadine di casette bianche - LOCOROTONDO - MARTINA FRANCA - ma soprattutto terra della pietra, della calce e dei trulli. Morfologicamente e strutturalmente antichissimo, il trullo, singolare costruzionecon la base di calcina e la copertura conica di chiancarelle, si presenta generalmente come episodio isolato tranne nel caso di ALBEROBELLO. Unico centro abitato costituito interamente da queste abitazioni contadine del XVI secolo è stato riconosciuto nel 1996 dall' U.N.E.S.C.O. Patrimonio Mondiale dell'Umanità.

Sassi di Matera

A ridosso di una gravina creatasi dall'erosione di un torrente, sorge Matera, "la città dei Sassi". Esempio più emblematico di città trogloditica, in cui l'uomo ha usato le caverne naturali a scopo abitativo, Matera possiede una pregevole raccolta di materiale archeologico di età cronologicamente lontane: preistorica, romana, medioevale e barocca. Nel 2019 sarà capitale europea della Cultura.

Trani

Nota per la sua pregiata e luminosissima pietra calcarea, la città sorge su un'ampia insenatura naturale. Il Castello Svevo, che grazie al recente restauro ha recuperato la luce originaria della sua pietra, fronteggia la famosa Cattedrale che, come una gigantesca nave ancorata alla scogliera, con il suo alto campanile, rende inconfondibile la veduta dal mare di questo antico borgo.